- -

Attività della memoria

Harvey Sacks. Una lezione etno-metodologica sull’atto del guardare nel corso dello  scambio di sguardi.  E il suo significato nel rilevare le incongruenze comportamentali.
La conclusione  è che possiamo sapere quel che pensano gli altri che ci scrutano quando li osserviamo dalle ”Lezioni 1964-1965. La conversazione: procedure e metodi” (Montefeltro ed., Urbino, 1995, p. 198-207)

******************************************************************************************************************************

Il semiologo François Jost, ospite frequente del CiSS, commenta così sul Nouvel observateur di Parigi la scomparsa di Umberto Eco, ricollegandone il ricordo
al periodo in cui ” Dans les années 1980, la petite ville italienne d’Urbino a été le centre de la sémiotique mondiale”.

******************************************************************************************************************************

Conference Report: The Rhetoric of Gestures, Centro Internazionale di Semiotica e di Linguistica, Urbino, Italy

Roland Posner http://www.qualitative-research.net/index.php/fqs/article/view/1067/2311

******************************************************************************************************************************

Anticipiamo una parte del testo di M. de Certeau, Utopie Vocali. Urbino 1978 (Dialoghi con P. Fabbri e W.J. Samarin) a cura di L. Amara,che raccoglie le conversazioni sul fenomeno glossolalico in preparazione del seminario del Centro internazionale di Semiotica e Linguistica di Urbino nel 1978, dedicato al Linguaggio della Glossolalia. L’uscita del libro è prevista per novembre 2015 editore Mimesis, Milano.

******************************************************************************************************************************

Tra Roma e Urbino La vita per la letteratura
di Giambattista Vicari
(Ravenna 1909 – Roma 1978)

Giambattista Vicari, fondatore della rivista Il Caffé, tra Roma e Urbino
Ha insegnato negli anni ’70, alla Scuola Superiore di Giornalismo di Urbino, nella cui Università, con il sostegno degli amici Carlo Bo e Pino Paioni, fondò
e diresse il Laboratorio di Scrittura (Istituto di ricerca e analisi del discorso), nel quale venivano a tenere corsi, tra gli altri, Italo Calvino, Paolo Valesio, Paolo Fabbri.

_____________________________________________________________________________________________________________________

Pubblichiamo la relazione della Prof.ssa Paola Desideri che ha tenuto in occasione della giornata in ricordo di Pino Paioni, organizzata ad Urbino il 9 aprile 2014 .

Paola Desideri “Per il mio Maestro”

————————————————————————————————————————————————-
nel quadro delle attività della memoria del Centro di Semiotica e Linguistica due scritti:
1. Jean Baudrillard De la séduction in Jean Baudrillard et le Centre Pompidou, une biographie intellectuelle a cura du V. Guillaume, Editions INA, Paris, 2013 pagg. 72-81 - presentazione 
2. Ph. Hamon , Tra Parigi e Urbinoin AA.VV., Le immagini della critica a cura di U. Olivieri, Bollati Boringhieri, Torino, 2003. pagg. 20-32 -presentazione

————————————————————————————————————————————————-

  • A Urbino ” Un premier Séminaire international sur les méthodes d’analyse du récit s’est tenu entre le 20 et le 26 juillet 1967, à l’Université d’ Urbino,…”

Tzvetan Todorov, L’analyse du récit à Urbino 1968 In: Communications, 11, 1968. Recherches sémiologiques le vraisemblable. pp. 165-167.

——————————————————————————————————————————————–

  • Il Centro Internazionale di Scienze Semiotiche di Urbino pubblica la relazione  delle attività culturali e scientifiche del Centro internazionale di Semiotica e di Linguistica  Semiotica, fondato da Carlo Bo, Paolo Fabbri e Pino Paioni e successivamente diretto da A. Greimas e Pino Paioni. E’ una documentazione importante, redatta da  Christa Laubenstein, sul ruolo fondatore che l’Università di Urbino ha avuto nello sviluppo delle Scienze Semiotiche negli anni del loro sviluppo. E del grande lavoro di organizzazione e di pubblicazione svolto con la partecipazione dei maggiori ricercatori ed docenti sulla discipline della signficazioni: da Lyotard a  Derrida, da Goffman a  Baudrillard, da Eco a Garroni, da Segre a Todorov e De Certau , filosofi, e studiosi di scienze umane hanno dato il loro contributo ad una istituzione che ha trovato in Pino Paioni il suo coerente sostegno istituzionale ed  intellettuale. Prosegue intanto la pubblicazione on line dei più significativi Documenti di lavoro del CiLS.
*Si tratta di un documento che per la ricchezza dei materiali è suscettibile di revisioni, ritocchi e aggiunte,  per cui contiamo sulla collaborazione dei molti partecipanti.

Relazione “Attività della memoria del Centro Internazionale di Semiotica e Linguistica dal 1967 al 1977″

Relazione “Attività della memoria del Centro Internazionale di Semiotica e Linguistica dal 1978 al 1987″

Relazione “Attività della memoria del Centro Internazionale di Semiotica e Linguistica dal 1988 al 1997″